Blog

27 Marzo 2017

Finanza Aziendale e Management: EFFETTO STRUZZO ??? E’ BENE CHE SI “SABBIA” !!!

Considerando un decennio di esperienza nella holding e oltre 20 anni di consulenza in finanza aziendale e management, mi consentirò qualche libertà (forse di troppo) a proposito  delle P.M.I.

La cosa che mi preoccupa di più , non è  né l’effetto né il trascinarsi di una crisi importante  che,  prima in tutto il globo e  a cascata sul nostro paese, si è riversata pesantemente, ma la sordità o in ogni caso la chiusura, che si riscontra nel sistema impresa.

In Italia, nel 2015, hanno chiuso sedici imprese ogni ora. Trecentonovanta al giorno. Oltre 142.000 in un anno. Sono i dati che emergono da una ricerca di Rete Imprese Italia con il Ref.  Non solo, Se la crisi non si fosse mai verificata, il Pil oggi sarebbe superiore del 15%, ovvero 230 miliardi di euro, rispetto ai livelli attuali.

Ma ci sono anche dei lati positivi. Nonostante tutto, le micro-imprese con meno di dieci addetti hanno retto il colpo, contribuendo anche alla crescita dell’occupazione: 375 mila posti di lavoro in più fra il 2011 e il 2015.

Sicuramente conforta la lodevole resistenza delle microimprese ma  non può bastare ad arginare una crisi  che incombe ormai da diversi anni.

La ratio di queste poche righe trovano fondamento  nella consapevolezza che almeno una buona parte delle aziende  che sono destinate a chiudere, possono salvarsi o possono trasformarsi in realtà produttive o redditizie.

Non saranno  sicuramente le politiche fiscali a “risolvere” o a sciogliere la matassa né strategie di improvvisati trasferimenti in zone  con tassazione “agevolata”.

L’essere un paese con una fiscalità importante non deve farci perdere  la bussola dei principi aziendalistici e della buona finanza d’azienda.

Purtroppo si naviga a vista, non esiste la diagnosi e nemmeno la terapia;  tranne quando si formano i nodi e  talvolta sono così stretti e numerosi da rendere impossibile ogni intervento risolutivo.

Negli ultimi anni l’effetto dello struzzo con la testa nella sabbia  si è  ulteriormente implementato generando solamente  sconfitte economiche, sociali e  anche personali.

Non possiamo evitare gli effetti a cascata di una crisi  che ci ha colpito fortemente;  tuttavia  se sapremo usare con intelligenza  gli strumenti della finanza Aziendale e del marketing, come dottori commercialisti, come consulenti di direzione  e specialisti delle aree strategiche aziendali, avremo difeso il nostro lavoro, l’economia del nostro territorio e l’occupazione di tante famiglie.

Dott . Claudio D’Audino

Consulente di direzione aziendale

Blog
About Claudio D'Audino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *